News e Offerte

Cattive abitudini in bagno: 9 cose assolutamente da evitare.

Cattive abitudini in bagno

La stanza da bagno è un luogo dedicato alla nostra igiene personale in cui bisogna assolutamente preservare l’ordine e la pulizia: ecco come correggere i nostri comportamenti.

Una grossa fetta del nostro tempo libero è ovviamente dedicata alla pulizia del bagno ed è davvero un peccato sprecare tutto questo tempo se poi si adottano comportamenti ingenui che rischiano di mettere in serio pericolo la nostra salute.

Non sostituire lo spazzolino da denti dopo l’influenza, non disinfettare i sanitari e la vasca da bagno e utilizzare una spugna vecchia sono solo alcune delle pessime abitudini da evitare.

Per aiutarvi a migliorare, noi di Fantaceramiche abbiamo deciso di stilare una piccola black-list delle consuetudini da eliminare immediatamente.

  1. Riporre la saponetta su una superficie priva di fori – Il sapone viene spesso collocato su punti d’appoggio piatti e privi di qualsiasi foro favorendo lo la crescita delle muffe. In questo modo il sapone resta perennemente bagnato e si sviluppa un habitat perfetto per i batteri.
  2. Collocare tutti gli spazzolini in un’unica tazza – Quando più persone dividono lo stesso bagno è davvero facile trovare sul lavabo una tazza con dentro tutti gli spazzolini da denti dei familiari o dei coinquilini. È assolutamente sconsigliato tenere così vicini degli oggetti che abitualmente entrano in contatto con una parte del corpo tanto intima.
  3. Conservare lo stesso spazzolino dopo aver avuto l’influenza – Utilizzare lo stesso spazzolino da denti dopo aver avuto l’influenza, il raffreddore o qualsiasi altra malattia delle alte vie respiratorie può essere dannoso per la nostra salute. Le diverse setole dello spazzolino, infatti, conservano per molto tempo i germi responsabili dei nostri malanni.
  4. La muffa sulla tenda della doccia – La muffa è composta da milioni di microscopiche spore e quando vediamo il caratteristico alone nero vuol dire che è già troppo tardi. La muffa che cresce sulla tenda della doccia può provocare asma e gravissime allergie.
  5. Usare un unico asciugamano per più persone – Un asciugamano umido e usato è il paradiso di tutti i batteri ed estremamente pericoloso se utilizzato da più persone che condividono lo stesso bagno. Si tratta di un potente veicolo di trasmissione anche per malattie molto serie come quelle causate dal Papilloma Virus (HPV).
  6. Tenere la stessa spugna per più di tre mesi – Come nel caso dell’asciugamano anche la spugna che quasi sempre resta bagnata deve essere sostituita di frequente e utilizzata possibilmente da una sola persona.
  7. Dimenticare di pulire l’interruttore della luce e la maniglia della porta – Spesso ci si dimentica delle piccole cose e, malgrado le dimensioni ridotte, non dobbiamo trascurare i punti più utilizzati della nostra stanza da bagno. La maniglia  deve essere accuratamente disinfettata e, prestando adeguata attenzione all’elettricità, anche l’interruttore della luce deve essere igienizzato.
  8. Non disinfettare la vasca da bagno – La vasca da bagno, per le grandi dimensioni della sua superficie, è ricoperta da una quantità infinita di batteri che potrebbero colpire le parti intime, le ferite e i bulbi piliferi. Le infezioni possono essere molto pericolose, non bisogna mai dimenticare che le vasche sono il luogo in cui si annida la legionella un gruppo di batteri responsabili di una patologia molto grave che può causare addirittura la morte.
  9. Dimenticare il rasoio sotto la doccia  – Spesso dovendo eliminare i peli superflui, si lascia il rasoio all’interno del box doccia insieme alla spugna e ai contenitori del bagnoschiuma esponendolo alla ruggine e ad altre tipologie di contaminazioni che rischiano di creare pericolose infezioni. Dopo ogni utilizzo il rasoio dovrebbe essere accuratamente pulito e riposto in un luogo asciutto.